SEI IN > VIVERE BISCEGLIE > CULTURA
comunicato stampa

Tempo di bilanci al CPIA BAT "Gino Strada" Le esperienze delle Sedi di Barletta e Bisceglie

3' di lettura
6

Trasmettere non del puro sapere, ma una cultura che permetta di comprendere la nostra condizione e di aiutarci a vivere" (E. Morin)

Barletta
Penso che un sogno così... No, non è un'esagerazione, per alcuni tornare a scuola dopo tanti anni significa tirare fuori il sogno da quel cassetto, significa rimettersi in gioco con tanto timore che in età scolare non si ha, significa anche fare un tuffo nel passato e tornare un po' bambini. Come nella scuola del mattino, lo scorso 5 giugno, abbiamo realizzato un altro piccolo sogno: la gita di fine anno. Dopo numerose uscite didattiche incentrate sulle bellezze e la cultura della città di Barletta, chiudiamo questo indimenticabile anno scolastico con una gita al mare a Monopoli e Polignano! Una scolaresca particolare per una scuola particolare, il CPIA BAT "Gino Strada", dove accoglienza, integrazione e umanità si fondono a conoscenza e abilità, ma anche flessibilità e passione, per la scuola come per la vita. E volare, volare, volare felici più in alto del sole ed ancora più su... Bisceglie
Ad anno scolastico ormai concluso, il Centro Provinciale per l'Istruzione degli Adulti, CPIA BAT "Gino Strada", nella sua sede di Bisceglie, traccia un bilancio positivo delle attività svolte. La scuola, con sede in via Pozzo Marrone n. 84 (presso la Battisti-Ferraris), ha registrato un significativo aumento delle iscrizioni con circa 250 studenti accolti nei vari percorsi formativi offerti. Questo incremento è un chiaro segnale della crescente domanda nell'ambito dell'istruzione e della formazione degli adulti, sia italiani che stranieri, desiderosi di migliorare le proprie competenze e prospettive lavorative. Il CPIA BAT "Gino Strada" a Bisceglie ha ampliato la gamma dei corsi offerti, rispondendo alle esigenze di un'utenza sempre più diversificata. La scuola propone corsi gratuiti di alfabetizzazione di vari livelli linguistici. Il corso A2 rilascia un attestato necessario per ottenere il permesso di soggiorno, mentre i corsi B1 e B1 cittadinanza preparano all'esame di B1 per ottenere la cittadinanza italiana. Gli altri corsi tradizionalmente svolti sono quelli di scuola secondaria di primo grado (ex scuola media, che accorpa tre anni in uno) e di biennio di scuola superiore (due anni in uno), necessario per l'adempimento dell'obbligo scolastico. Inoltre, sono stati svolti un incontro con una psicologa, corsi di Informatica di base, di Scienze dell'alimentazione e, nel mese di giugno, ci sarà un progetto intitolato "Percorsi di orientamento e formazione nelle competenze STEM, digitali e di innovazione". Questi percorsi mirano a fornire competenze immediatamente spendibili nel mercato del lavoro, offrendo nuove opportunità di crescita a tutti coloro che desiderano migliorare la propria vita attraverso l'istruzione. Oltre alle lezioni tenute a scuola, i docenti hanno organizzato attività extrascolastiche come la partecipazione alle manifestazioni del 25 aprile e del 3 maggio, volte a incoraggiare i corsisti alla partecipazione alla vita comunitaria e alla conoscenza profonda e tangibile del significato di cittadinanza attiva.

L'anno scolastico non è stato privo di sfide (classi eterogenee per età, per background culturale e livello di istruzione): ogni studente, infatti, ha esigenze diverse e richiede un approccio personalizzato. Tale peculiarità, propria dei CPIA, rende questo istituto all'avanguardia poiché pone il corsista al centro del curriculum scolastico, puntando sulle sue potenzialità e utilizzando le conoscenze come pretesto per guidarlo a scoprire se stesso.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-06-2024 alle 22:41 sul giornale del 08 giugno 2024 - 6 letture






qrcode